venerdì 2 gennaio 2009

Rece


Parlo poco di fumetti in questo blog per tre motivi. Il primo è che credo non sia carino parlare dei propri "colleghi". E' difficile credo sentire ad esempio un regista che parli di un altro regista. Com'è raro che i cantanti commentino altri cantanti. Più facile che tra impiegati si sparli di altri impiegati, ma appunto, quella è una cosa che mi ha sempre dato fastidio. Anche perchè a giudicare il lavoro degli altri, sembra ci si voglia mettere ad un livello superiore. Il secondo è che in questo anno trascorso ho avuto poco tempo per leggere, e quindi ho avuto poco da commentare. Il terzo è che tra le cose che ho letto, poche mi hanno entusiasmato particolarmente.
Però oggi ho voglia di parlare di due esordi "bonelliani" in serie regolari. Nel primo caso si tratta dell'esordio di Davide Rigamonti, che ho il piacere di conoscere personalmente, come sceneggiatore su Nathan Never. Non è un esordio col botto. Ogni tanto la storia zoppica un po' e ci sono alcune cose un po' forzate. Ma nel complesso posso dire che è un buon esordio. Ho letto storie su NN meno interessanti, scritte da autori tutt'altro che esordienti. Alcuni passaggi poi fanno presagire una crescita e un miglioramento che lasciano ben sperare per il futuro. E siccome conosco le capacità e la preparazione di Davide, non ho alcun dubbio in merito. Quindi tanti complimenti e tanti in bocca al lupo al Rigamonti!
Il secondo esordio su una serie bonelliana che ho letto in questi gioni, è quello di Roberto Recchioni su Dylan Dog. Roberto non lo conosco personalmente, ma mi capita spesso di leggere il suo blog. Molte cose che scrive nel suddetto blog spesso mi trovano in disaccordo, ma devo ammettere che nel bene e nel male da sempre importanti spunti di riflessione. Il suo esordio su Dylan Dog (tralasciando la breve storia sul "Color Fest") mi è piaciuto molto. Sopratutto perchè non era la storia che mi aspettavo da lui. Robero è un professionista da anni ormai e si sente, come si percepisce la capacità di calarsi subito nel personaggio e mettersi al suo servizio senza abdicare la propria personalità. E quindi complimenti anche a Roberto!
In entrambi casi, credo che le due testate troveranno giovamento da questi due "innesti", e in entrambi i casi, vi consiglio la lettura ;)

4 commenti:

Dave R. ha detto...

Uè, Danilo! Grazie mille per la lettura e le belle parole!

Buon annetto a venire!

Danilo ha detto...

grazie a te! un abbraccio e buon anno!

cRi ha detto...

Guarda che ti ho sentito al telefono mentre sputacchiavo microbi e tu ridevi!

Vabbè!

Ora sto meglio...
Buon Anno!

Danilo ha detto...

Ops! ;)
Buon anno anche a te!